The Shootist

The Shootist

Un capitombolo, mentre qualcuno porta da bere. Whisky, chiaramente. Nei film western quando nel saloon il pistolero beve al bancone c'è sempre l'inquadratura che dallo specchio fa vedere chi ha l'intenzione di sparargli alle spalle. Le cose non possono nascere così, ma nemmeno possono finire così. E allora, incastonati in queste pagine, stampiamo una serie di testi, di elzeviri, o meglio di riflessioni che vogliono prendere in considerazione il luogo del cinema. Tutti i testi, tranne due, sono di Giovanni Andrea Semerano; tutte le immagini tranne una, sono di Matias Guerra; e Toni D'Angela ci porta nella Monument Valley. Questo pistolero si muove di sala in sala, e vuole sapere, non se il cinema è morto o vivo, ma se resta qualcosa prima e dopo una visione. Se esiste ancora una memoria capace di trasformare l'immagine vista. The Shootist è il tentativo di fare un viaggio, di mettersi a cavallo e vedere il cinematografo, così come esso giunge, fuori e dentro le città. The Shootist è anche andare a caccia di quelli che rapinano il cinematografo. The Shootist ha licenza di sparare e di portare in cella i ladri di galline. The Shootist è vecchio ma è anche giovane, è malato, ma resta qui, perché ha deciso di guardare in faccia la sua memoria. E alla fine come nelle leggende che hanno la verità, the Shootist muore colpito alle spalle.
Buona Visione

 

Colline Blu di Matias Guerra

The Shootist stampato
Sommario volume I

Mr. Arkadin is dead pag. 1
A bout De Bear pag. 6
Dissolvenza incrociata pag. 7
Property pag. 10
Dans le noir du temps, JLG pag. 11
Eloge de l'amour pag. 12
Notre Musique pag. 13
FilmSocialisme pag. 14
Plaisir pag. 16
Un viaggio nella Monument Valley pag. 17
Le colline blu pag. 19
Mary Sol pag. 21
Tic Tac Toe X is a window 0 is a door pag. 24
Inland Empire pag. 25
Verba foeris decem. La strategia della distrazione pag. 27
Gloria Dresbat in broken spectre pag. 32
Bastardi senza gloria pag. 33
Dresbat DadaDigidécollage pag. 40
Mat Ray pag. 41
Odi e.t. Amo pag. 47
Noumena pag. 49
Faust di Sokurov pag. 49
The Shootist pag. 50
Big Fish pag. 52
Habemus Papam pag. 55
Le rose del deserto pag. 56
Il cappottino rosso di Spielberg pag. 57
Opificium pag. 58
Antichrist pag. 59
La brevità delle cose pag. 63
Il lavoro violenta la pigrizia pag. 65
Mujer pag. 68
Nycrom pag. 69
Il gatto di Schrodinger pag. 70
Sifr. La trilogia degli impiccati pag. 71
Little Bighorn pag. 73
La Camera Verde pag. 77
Mr. Arkadin is dead pag. 82
Colophon pag. 84

 

The Shootist, il pistolero si può ordinare tramite email a

"Creare non significa deformare o inventare persone e cose. Vuol dire stringere fra persone e cose che esistono, così come esistono, rapporti nuovi."

(Robert Bresson, Note sul Cinematografo, ed. Marsilio)

Charlie Chaplin Centro Culturale
La Camera Verde

via G. Miani 20, 20a, 20b
00154 - Roma
tel. (+39) 340 5263877
info [at] lacameraverde.com
vimeo